Mistero Magazine

Intelligenza ARTIFICIALE

’Artificial Intelligence, meglio conosciuta con l’acronimo IA, è un’espressione che usò per primo John McCarthy nel 1955 insieme a Claude Shannon, Nathaniel Rochester e Marvin Minsky. In quel periodo, Frank Rosenblatt, psicologo americano, ideò un congegno elettronico, il Perceptron, che si basava su princìpi biologici, e iniziò a ipotizzare che, un giorno, questo dispositivo sarebbe potuto arrivare a un livello di apprendimento talmente avanzato da essere in grado di distinguere l’immagine di un gatto dall’immagine di un cane. Una delle ambizioni dell’uomo è sempre stata quella di ideare una macchina che possieda una parvenza umana. Ambizione che viene forse dal fatto di sentire il bisogno di creare qualcosa a partire da noi stessi. Se queste macchine autonome, che stanno vivendo un periodo di pre-umanesimo, dovessero farci la domanda «Da dove veniamo?», noi non potremmo mostrare un codice di programmazione, perché non esiste! Sono solamente regole affiorate dai dati e sprovviste di una spiegazione. Simo noi i creatori. Ma quando ci relazioniamo con le macchine, non abbiamo ancora un codice neutrale con cui descrivere fenomeni artificiali.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Mistero Magazine

Mistero Magazine2 min letti
I CAMPIONI Di Fine Anno
Guanda, 2022, 18 euro Da un autore tra i più interessanti della scena letteraria, un romanzo in cui torna protagonista l’ispettore Ferraro, in una Milano multietnica tratteggiata con pennellate livide e dialoghi serrati. L’architetto e scrittore Gian
Mistero Magazine2 min lettiInternet & Web
Quel Che Nessuno Sa Della RETE
Esistono posti nella rete che non andrebbero mai visitati. Uno di questi è il Mariana’s Web, che sembra essere il lato più profondo del Dark Net, ovvero il livello più pericoloso e inaccessibile della rete. Se siete pronti a immergervi nei misteri pe
Mistero Magazine2 min letti
Che 2023 sarà?
Ben ritrovati con l’ultimo numero dell’anno della vostra rivista preferita, che eccezionalmente sarà anche il primo del 2023, e rimarrà in edicola per tutto gennaio. Come di consueto, una volta ogni dodici mesi, andiamo a vedere quelle che sono antic