Fortune Italia

Il nuovo ordine mondiale del petrolio

Per un’azienda internazionale che lavora con minatori e contadini, assistere alle manifestazioni della sofferenza umana e persino alle conseguenze della guerra fa troppo spesso parte del lavoro.

Tuttavia, nulla poteva preparare il Ceo di Yara International, Svein Tore Holsether, a ciò a cui ha assistito dal 26 febbraio. Yara, gigante norvegese dei fertilizzanti con 117 anni di attività, opera in più di 60 Paesi. Per decenni, è stato ampiamente presente sia in Ucraina, importante esportatore di grano, sia in Russia, fornitore chiave della potassa e del fosfato necessari nella produzione dei suoi fertilizzanti. Il terzo giorno dell’invasione, un missile russo è esploso nel quartier generale di Yara Ukraine a Kiev. Nessun dipendente è rimasto ferito durante l’attacco aereo, ma Holsether era ancora molto scosso giorni dopo. La guerra, ha detto, “diventa decisamente vicina dopo aver visto un grande buco nell’edificio con l’insegna Yara sopra. È spaventoso”. Come le aziende di un’ampia gamma di settori, Yara ha risentito dell’impatto dell’invasione anche in un altro modo: l’aumento dei prezzi dell’energia.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia2 min letti
Zainetti Invicta Vs Invictus Games
LA INVICTUS GAMES FOUNDATION, organizzazione benefica creata dal duca del Sussex, alias principe Harry, a favore dei veterani di guerra, ha perso la battaglia legale contro il celebre brand italiano di zainetti, Invicta. Il marchio Invictus non potrà
Fortune Italia2 min letti
Un Lavoro Digital, Anche Per Gli Operai
L’IDEA È NATA DALL’ESIGENZA di una multinazionale di elettrodomestici, che voleva digitalizzare il processo di pianificazione degli operai in un suo stabilimento, “rendendolo trasparente e rispettoso delle competenze degli stessi” operai, secondo Car
Fortune Italia5 min letti
Defhouse, Chi C’è Dietro La Casa Dei Content Creator
COLLAB HOUSE, CONTENT HOUSE, social house. Comunque la si chiami il significato non cambia. Si tratta di case collaborative, le cosiddette ‘case dei contenuti’, in cui i content creator vivono insieme e creano video per le piattaforme di social media