L'Officiel Italia

les enfants TERRIBLES

«Sono felice, estremamente felice, follemente felice… Sono io, il mio mondo. E allo stesso tempo è qualcosa che va al di là della mia storia e la proietta nel futuro». Jean Paul Gaultier, enfant terrible della moda francese, che il prossimo aprile festeggerà il suo 70esimo compleanno, è emozionato, seduto nella grande sala dell’headquarter-atelier parigino di rue Saint Martin, che per tanti anni lo ha visto lavorare alla creazione del suo universo. Ora, che si è ritirato dalle scene dedicandosi a progetti collaterali tra tv, cinema, teatro e musical, è qui per celebrare Glenn Martens. Il designer belga, classe 1983 e anima del marchio Y/project, è stato chiamato a disegnare la couture S/S 2022, seguendo il percorso iniziato la scorsa stagione con Chitose Abe di Sacai. E che continuerà in futuro creando una factory creativa chiamata a rileggere i codici dello stilista francese. «Mi sembra di aver fatto un lifting», scherza Gaultier. «Ho amato questa collezione, il modo in cui ha raccontato le mie donne e il mio universo. L’approccio moderno alle tecniche e al savoir-faire dell’alta moda. Il risultato è davvero oltre quello che potessi immaginare». In

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da L'Officiel Italia

L'Officiel Italia2 min letti
L'Officiel Italia
DIRETTORE RESPONSABILE Giampietro Baudo MANAGING FASHION EDITOR - MANAGING FEATURE EDITOR Giulio Martinelli - Fabia Di Drusco CREATIVE EDITOR AT LARGE Priscilla De Giorgi Fabrizio Finizza_Fashion Editor at Large Alessandra Faja_Accessory Editor at La
L'Officiel Italia1 min letti
Let’s SMILE
Erano gli anni ’90 e per le strade impazzava lo smile giallo. Fast forward di vent’anni e l’azienda londinese Smiley ® Company, che celebra il suo cinquantesimo anniversario, continua a conquistare il pubblico. Incluso Lorenzo Serafini, creative dire
L'Officiel Italia5 min letti
MAUDE Apatow takes Center STAGE
Maude Apatow sarà anche figlia di due star della commedia come Judd Apatow e Leslie Mann, ma si sta ancora abituando ai livelli di attenzione scatenati da “Euphoria”. Come sottolinea Apatow il successo della serie è dovuto non tanto al tratteggiare a