Fortune Italia

È I’anno delle grandi dimissioni in Italia?

“I dati al momento non danno elementi per dire se questa resignation sia great, ma sicuramente qualcosa sta succedendo” ANDREA GARNERO Economista all’Ocse

È UNO DI QUEI CASI in cui la traduzione in italiano suona meno efficacie dell’originale: great resignation, ovvero ‘grande dimissione’, termine coniato da Anthony Klotz, psicologo e docente all’Univeristà A&M del Texas. O se si preferisce big quit, il grande abbandono’. A metà di quest’anno negli Stati Uniti è diventato necessario dare un nome a un fenomeno dilagante: la crescita costante di chi ha deciso di lasciare il lavoro. Qualcosa di simile si è cominciato a verificare in Italia a partire dal secondo trimestre di quest’anno, quando si è registrato un +10% di dimissioni rispetto allo stesso periodo del 2019. Bisognerà trovare una definizione ad hoc anche per quello che sta accadendo nel nostro Paese? È da vedere. Perché ci sono alcuni dati, incontrovertibili, che però al momento lasciano aperte diverse – e spesso contraddittorie – spiegazioni.

Per cominciare a capirci qualcosa bisogna partire dalle differenze tra Italia e Usa. “Negli Stati Uniti si può essere licenziati o

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia1 min lettiIndustries
La Grande Scommessa Elettrica
Le tre grandi case automobilistiche americane – i giganti di Fortune 500 Ford, General Motors e Chrysler, ora di proprietà di Stellantis – hanno promesso collettivamente oltre 120 mld di dollari nei prossimi anni per convertire le loro linee di produ
Fortune Italia2 min letti
Clandestino: Nella Baia Di Portonovo La Cucina Incontra Il Cinema
ALLE SETTE DEL MATTINO nella baia di Portonovo il sole è già un palmo sopra l’orizzonte. Incorniciata dalla natura benigna delle ginestre e dalle acque cristalline della Riviera del Conero, la porzione di spiaggia selvaggia dove si trova ancorato - è
Fortune Italia3 min letti
Per Molti, Ma Non Per Tutti
BARRIERE di natura economica, organizzativa e formativa: tutte insieme formano una sorta di schermo invisibile, che ostacola l’accesso alle terapie innovative a un preoccupante numero di pazienti con malattie croniche di tipo autoimmune. Circa 130mil