Fortune Italia

IL GOVERNO DARÀ TUTTO IL SOSTEGNO NECESSARIO ALL’EDITORIA

IL GOVERNO È PRONTO a dare tutto il “sostegno necessario” al mondo dell’editoria, in preda a una crisi che data da lungo tempo ma che è stata ulteriormente acuita dalla pandemia. Tutti gli attori della filiera, però, “devono fare la loro parte” per un rilancio che non può prescindere dal necessario passaggio alla digitalizzazione. Giuseppe Moles, senatore di Forza Italia da marzo alla guida del dipartimento Informazione ed editoria dell’esecutivo Draghi, è però convinto che l’era della carta stampata non sia finita, soprattutto se riuscirà a puntare sulla qualità. Ritiene una “svolta epocale” il recepimento della direttiva Ue su copyright e diffusione di contenuti sul web e annuncia che, se avrà tempo, intende mettere in cantiere una importante riforma di sistema.

Nell’ultima relazione annuale dell’Agcom è emersa con prepotenza la crisi della carta stampata, che non è riuscita a beneficiare nemmeno della maggiore richiesta di informazioni dovuta alla crisi pandemica, perché i cittadini hanno preferito cercare le notizie su internet. Recentemente una testata storica come la Gazzetta del Mezzogiorno ha dovuto

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia3 min letti
La Doppia Anima Del Sublime
IL 2023 SEGNA lo scoccare dei cinque secoli dal 1523, l’annus Domini in cui Luca Signorelli e Pietro Vannucci (noto ai più come il Perugino) sono scomparsi: un mezzo millennio che verrà da molti evocato, intrecciato, scorto e cavalcato nel solco di t
Fortune Italia2 min letti
Antibiotici E Superbug, Le Dieci Verità
OGGI 1,27 MILIONI DI DECESSI. Ma nel 2050 sono previsti dieci milioni di morti. Si può immaginare così l’impatto dell’antibiotico-resistenza, stando alle stime dell’Organizzazione mondiale della sanità. Per l’Italia, mettere in atto contromisure effi
Fortune Italia3 min letti
Masi, 250 Anni Di Innovazione
RISPETTO DELLA TRADIZIONE, spirito innovativo, competenza tecnica nell’appassimento delle uve: è grazie a questa visione che Masi ha contribuito a consolidare la riconoscibilità dell’Amarone nel mondo. Un traguardo che parte da molto lontano: dalla p