Nautica

I Venti, ecco Come Prevederli

Pensare al Mediterraneo come a un mare facile, a un “grande lago”, come qualcuno lo definisce paragonando la sua dimensione a quella degli oceani, significa sottovalutarne la forza e il carattere. A differenza di quanto accade negli oceani, dove, a parte le condizioni estreme delle alte latitudini Nord e Sud, i venti sono regolari e stagionali, i groppi passano veloci, le depressioni hanno un ciclo e un percorso piuttosto prevedibile, il Mare Nostrum è capace di mille diverse espressioni. Stretto fra le terre che lo circondano, spesso ingabbia a lungo le depressioni prima di farle fuggire; in poche ore, a volte in una manciata di minuti, può passare da calme equatoriali a burrasche violente.

Un carattere aspro ma non imprevedibile. Al netto delle variabili locali, causate soprattutto dalla morfologia delle coste, i venti che spirano sulle nostre acque si generano in condizioni precise, ben leggibili sulle carte sinottiche che rappresentano la distribuzione delle zone di diversa pressione sui mari che ci interessano. Il gioco sta nell’immaginare la nostra barca che si muove nello scenario rappresentato dalla carta, che si sposta fra le alte e basse pressioni per scegliere la rotta

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Nautica

Nautica4 min letti
Pagine Blu
AFFITTO POSTO BARCA PORTO SOLE SANREMO, 16 X 5,10 MT”. Annuale: €.10.000,00 + Iva e consumi; Stagionale: €. 1.800,00 + Iva e consumi; Oppure €.1.500,00 (+ Iva e consumi), mese di giugno €. 2.800,00 (+ Iva e consumi), mese di luglio €. 2.800,00 (+Iva
Nautica2 min lettiCrime & Violence
Una Nuova Pronuncia Della Corte Di Cassazione In Materia Di Contratto Di Ormeggio
La materia del contratto di ormeggio è probabilmente uno degli argomenti sui quali forse più volte ci siamo soffermati all’interno di questa rubrica negli ultimi 24 anni. Si tratta certamente di un argomento che rimane sempre di attualità tanto per l
Nautica9 min letti
Vela
Tre le anteprime mondiali griffate Beneteau, la prima, in ordine di grandezza, è l’Oceanis Yacht 60. Per tracciare le linee d’acqua e disegnare gli interni e la coperta, il cantiere francese si è rivolto a due italiani, rispettivamente Roberto Biscon