Mistero Magazine

Legittima DIFESA?

sceneggiatore, scrittore, residente a Hollywood

Il12 aprile 1958 decine di giornalisti e migliaia di fan attendevano l’esito del processo che avrebbe potuto segnare per sempre la carriera di una delle più importanti dive del periodo. Scoperta da lei non troppo amati, tra i quali l’indimenticabile Cora de . Ma se Lana Turner poteva dirsi brava nello scegliere le pellicole da interpretare, era meno attenta in fatto di uomini. Celebre per le sue relazioni con grandi star come Tyron Power e Frank Sinatra, fece la mossa sbagliata quando, sorda alle raccomandazioni degli amici, decise di frequentare il mafioso di origini italiane Johnny Stompanato. Geloso e violento, Stompanato rese la relazione con Lana estremamente tormentata e pericolosa. Durante le riprese di , a seguito dell’ennesimo moto di gelosia, l’uomo giunse sul set armato di pistola, intimando a Sean Connery di stare alla larga dalla donna. Prontamente disarmato dallo stesso Connery, Stompanato fu rispedito a casa, pronto a colpire di nuovo. Malgrado le ripetute minacce e le violenze subite, Lana Turner provava una perversa attrazione per Stompanato, ma conscia di quel che poteva significare, scelse di non frequentarlo pubblicamente. Il fatto che portò alla tragedia fu infatti il suo mancato invito alla notte degli Oscar, alla quale la Turner partecipava grazie al suo ruolo ne . In collera per non essere stato invitato, Stompanato aspettò l’attrice a casa, trasformando la serata in un incubo. La lite tra i due fu così violenta da far-si pericolosa, tanto che, quando il mafioso minacciò di uccidere Lana e la figlia, toccò proprio alla giovane Cheryl porre fine alla questione. Un coltello affondò nell’addome del mafioso, togliendogli la vita. Cheryl, allora solo quindicenne, fu scagionata per legittima difesa, ma il declino della carriera di sua madre iniziò quel giorno. La testimonianza rilasciata dalla Turner al processo fu ritenuta da molti «la più grande interpretazione dell’attrice», e ancora oggi sono in tanti a credere che, quella notte, sia stata proprio lei ad affondare la lama.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.