Melaverde

Tra i castelli dell’Oasi Agrumaria di Rodi Garganico

paesi che fanno parte dell’Oasi Agrumaria del Gargano hanno tutti in comune la regale presenza di un castello, monito dell’importanza anche storica di quei luoghi. I sembrano voler sorvegliare il mare con le due torri ancora praticamente intatte e la forzuta cinta muraria in parte visibile. Il nome del castello è dato dalla consapevolezza storica che, nella seconda metà del ‘400, fu abitato da Ferdinando d’Aragona. , o quantomeno le due torri che ne rimangono, fagocitate dal resto delle costruzioni, è una delle tante attrazioni del borgo le cui case tutte attaccate, disseminate intorno all’ex maniero, furono costruite in maniera così ravvicinata in modo da difendere la fortezza dai pirati.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Interessi correlati

Altro da Melaverde

Melaverde2 min lettiRegional & Ethnic
Itinerario del mese TRAPANI E LE ISOLE EGADI
Trapani è il posto giusto in cui assaggiare il meglio della cucina siciliana, dallo street food fatto di arancine e panelle (una sorta di frittelle a base di farina di ceci), fino ad arrivare ai saporiti primi, secondi e contorni, come ad esempio la
Melaverde4 min letti
Territorio AGLIO DI CARAGLIO
Nel piccolo centro di Caraglio, un comune con poco meno di 7.000 abitanti della provincia di Cuneo nel basso Piemonte, vi è un magnifico Filatoio seicentesco dalle sembianze di un sontuoso castello, che il Consiglio d’Europa ha definito “il più insig
Melaverde4 min letti
Cantine
La Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle nasce nel 1983 sulle ceneri dell’Association des Viticulteurs con l’intento di sostenere e sviluppare la viticoltura valdostana. Nel primo decennio di attività la Cave ha praticamente raddoppiato il numer