Fortune Italia

LA PARTITA DEL BIOTECH ITALIANO

PUÒ IL BIOTECH ITALIANO essere la risposta all’emergenza Coronavirus e aprire la strada per una ripartenza sostenibile? E cosa serve alle aziende di questo settore per riuscire in questo intento? Se stessimo partecipando a un quiz, potremmo dire che si tratta di domande da un milione di dollari. Nella realtà non si tratta di tirare a caso per dare una risposta e paradossalmente il milione di dollari non sarebbe sufficiente. Esistono proposte concrete che permettono di rispondere a questi interrogativi in modo positivo. Per capire di che si tratta ci siamo fatti guidare da Riccardo Palmisano, presidente di Assobiotec-Federchimica, l’associazione che raggruppa circa 130 aziende e parchi scientifici del biotech italiano, declinato in diversi ambiti di applicazione, dalla salute all’agricoltura, all’ambiente ai processi industriali.

BIOTECH E LOCKDOWN

Ma facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire in che stato si trovano le aziende biotecnologiche italiane a valle del lockdown e come hanno reagito alle sollecitazioni dei mesi più duri dell’emergenza. “Le imprese biotech, in particolare quelle

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia2 min lettiTechnology & Engineering
Gli Strumenti
“La casa dei pazienti deve diventare il principale luogo di cura. Una rivoluzione oggi possibile grazie alla telemedicina e all’assistenza domiciliare integrata”. Le parole usate dal presidente del Consiglio Mario Draghi, nel discorso con cui ha chie
Fortune Italia6 min lettiPolitics
Il Governo Dei Presidenti
LA MATTINA DEL 31 GENNAIO, è domenica, arriva la smentita di autorevoli fonti del Quirinale. “È destituita di ogni fondamento la notizia, apparsa su alcuni giornali, che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella abbia contattato, da quando si
Fortune Italia2 min letti
Investimento Strutturale
QUAL È IL VALORE della telemedicina per il medico di famiglia? La pandemia ha accelerato un processo già in atto. A fine 2019 su iniziativa Fimmg il ministro della Salute in finanziaria destinò 235 mln di euro per l’acquisto di strumentazioni diagno