Lampoon Magazine

Erik Thomsen gold hiramaki-e, kinpun and nashiji ci parlavano in danese rispondevamo in giapponese

Bergdorf Goodman, il Plaza Hotel, l’Apple Store e Barney’s – oggi caduto in disgrazia – si trovano tutti nel raggio di pochi isolati. Siamo a New York. Tra Central Park South e l’Upper East Side c’è un edificio neoclassico che in uno dei suoi duplex ospita la Thomsen Gallery. In netto contrasto con le vetrate e i pavimenti in parquet dell’edificio che la accoglie, la collezione Thomsen si compone di opere d’arte e manufatti giapponesi risalenti al periodo tra il Ventesimo e il Ventunesimo secolo. In una gelida mattinata di inizio settimana, incontro il suo co-proprietario Erik Thomsen. La sua passione per la cultura nipponica non è una velleità passeggera, né l’ossessione di un turista inconsapevole. Nato a Chicago da genitori danesi – il padre era allora un missionario luterano – Erik si trasferì in Giappone con la sua famiglia quando aveva soltanto tre mesi. Vi rimasero per dieci anni,

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Interessi correlati

Altro da Lampoon Magazine

Lampoon Magazine5 min lettiDesign
Michel Fink Meglio Essere Severi Con Chi Maltratta Libri E Riviste Gente Di Moda, Poca Passione Per I Libri
Nel cuore del Marais, quartiere storico di Parigi, in una via di fronte al Musée Carnavalet, si nasconde una libreria che ogni anno richiama schiere di turisti e collezionisti. Le Comptoir de l’Image è uno scrigno dove sono custoditi oltre 2mila tra
Lampoon Magazine12 min letti
On Bended Knees I Asked For Bread And I Have Received Stone Instead Se La Fantasia Fosse Un Regno Questa Terra Non Ne Sarà Mai Sottomessa
Camminando sul lungo lago che dal castello si allontana verso la giungla, si comprende l’altezza della diga affacciandosi sul bosco sottostante. In altre parti del mondo, come il vicino Sud Est Asiatico o la più povera Africa, l’imputazione occidenta
Lampoon Magazine3 min letti
Fluid
La parola indica l’impegno a non definire un’identità. Non gay, non etero – ma anche non maschio, non femmina. Fluido indica l’atteggiamento di oggi – oltre i diritti, oltre l’orgoglio e la vergogna, siamo fluidi e l’acqua scorre tra le nostre dita a