Melaverde

Ambasciatore di buona volontà

FIGLIO DEI CONTADINI

armelo e Jolanda Ottino, si diletta sin da piccolo a suonare la chitarra e a cantare stornelli della. Nel 1965, Al Bano incide il suo primo disco, , cover di un brano di Gene Pitney per la Fantasy. Comincia poi a esibirsi come spalla negli spettacoli di Adriano Celentano, senza però abbandonare il lavoro nel ristorante milanese. Nel 1967 ottiene il suo primo grande successo con la canzone . La sua voce, dotata di una bella estensione, lo mette in luce e lo fa apprezzare dal pubblico e dalla stampa che parla di un “secondo Claudio Villa”. diventa anche un film, che avrà per protagonista lui e una giovane figlia d’arte, Romina Power: tra i due nasce un legame sentimentale che sfocerà più tardi, nonostante l’opposizione delle rispettive famiglie, nel matrimonio. Ha avviato una fiorente produzione privata di vini pugliesi, prodotti nella sua Azienda Vinicola Carrisi, che ha sede in contrada Bosco, presso il suo paese natale. Il 16 ottobre 2001, Al Bano è stato nominato “Ambasciatore di buona volontà” dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO).

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Melaverde

Melaverde1 min lettiCookbooks, Food, & Wine
Torino Cucina Solidale
“Tre Galline” nasce come cucina del popolo e per il popolo ha continuato il suo viaggio anche durante il periodo di restrizione sanitaria a causa dell’epidemia COVID-19, dove insieme a un gruppo di ristoranti torinesi, ha dato origine a un moto spont
Melaverde2 min lettiCookbooks, Food, & Wine
Viaggio Nei Sapori Dell’Agro Pontino
ACIRCA UNA VENTINA DI CHILOMETRI DA PRIVERNO, nel cuore della città di Pontinia, c’è uno dei ristoranti più interessanti del basso Lazio che nasce dal coraggio di rimettersi in gioco di Fabio Verrelli D’Amico (ex ragioniere) e sua moglie Sara Checche
Melaverde2 min lettiCookbooks, Food, & Wine
Eccellenze Del Territorio
Il territorio dell’Alta Valle del Volturno, per la morfologia e per il clima, è da sempre ideale per la coltivazione degli ulivi. Gli uliveti di Castelnuovo sono tra i Siti di Importanza Comunitaria (SIC) e per questo oggetto di interventi di cura e