Food&Wine Italia

Cibo libero.

QUANDO ENTRAI in un carcere la prima volta, qualche anno fa, la cosa che mi colpì di più fu il silenzio. Sebbene fosse immerso in una città trafficata e rumorosa, oltre le mura alte con il filo spinato sembrava che ogni suono fosse annullato, sospeso. Capii che era il primo strano segnale di un ingresso in una dimensione parallela, altra, a tratti surreale e davvero difficile.

Il luogo che banalmente avevo associato da sempre alla sofferenza, alle grida e alla punizione, adesso mi accoglieva invece con il silenzio quasi sacrale di un monastero avvolto dal nulla.

Quel primo giorno a Rebibbia, i bracci del blocco femminile mi parvero addirittura belli, quasi pacifici, vista la calma. Coinvolta da Adelaide, una cara amica di famiglia, volontaria dentro la Casa circondariale da oltre 60 anni, ero approdata dentro uno dei penitenziari più grandi d’Italia,

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Food&Wine Italia

Food&Wine Italia2 min lettiCookbooks, Food, & Wine
Spirito Natalizio.
LE VACANZE SONO ALLE PORTE, e anche se quest’anno non ci saranno le consuete riunioni allargate con famiglia e amici, non perdiamo l’occasione per bere bene e, se possibile, con le persone che amiamo di più. Abbiamo chiesto ai nostri barman di fiduci
Food&Wine Italia8 min letti
Il Nuovo Raccolto
Il vino è in continua trasformazione. Nessuna annata è esattamente uguale alla precedente; ogni bottiglia si sviluppa autonomamente durante l’invecchiamento e, cosa ancora più eccitante, ogni anno porta con sé un nuova ondata di aziende vinicole che
Food&Wine Italia17 min lettiCookbooks, Food, & Wine
Dolcezza Condivisa
NEL 2000, avevo appena cominciato a lavorare come pasticciera per un rinomato ristorante di New Orleans quando, grazie a un viaggio a New York, ho capito la strada da seguire per crescere professionalmente. Allora andavano di moda dolci alti e molto