Superyacht

EKRANOPLANI BARCHE O AEREI?

Tecnicamente si chiamano Ekranoplani e sono dei mezzi a metà strada tra l’idrovolante, il catamarano e l’hovercraft. Volano a pochi metri dall’acqua scivolando su un cuscino d’aria che si forma sotto le ali del velivolo, sfruttando quello che gli aerodinamici chiamano WIG, ovvero “Wing In Ground effect” o effetto suolo. Per questo motivo negli ultimi anni si è anche iniziato a chiamarli GEV (Ground EffectVehicle), ovvero veicoli ad effetto suolo. I primi studi e le prime sperimentazioni su questi strani mezzi furono effettuate a partire dagli anni cinquanta nell’ex Unione Sovietica, da cui deriva questo strano nome ekranoplano, che altro non è che l’adattamento dal russo del termine экраноплан, ekranoplan, letteralmente “schermoplano”, per sviluppare un mezzo di trasporto strategico che potesse riunire la capacità di carico di un’unità navale alla velocità di un mezzo aereo. Ma, nonostante quasi 40 anni di

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Superyacht

Superyacht2 min letti
Licia C 24 Explorer
Pedro Egea, esperto navigatore con alle spalle un tentativo di record della traversata atlantica a motore e fondatore dell’agenzia di vendita e noleggio spagnola Catamaran Center, è il padre del nuovo progetto Licia C2 Explorer, un catamarano a motor
Superyacht1 min letti
In Acqua Il Primo Amels Dell’anno
Lo scorso 18 febbraio è sceso in acqua il 62,50 metri Amels 206 della gamma Limited Editions. Si tratta il varo inaugurale del 2020 per il cantiere olandese, che conta nel corso dei prossimi mesi di consegnare altri cinque yacht ai rispettivi armator
Superyacht2 min letti
Amels Here Comes The Sun
Consegnato al suo armatore nel 2017, prima di essere presentato ufficialmente al pubblico “Here Comes the Sun ha esplorato tutta la costa del Nord e Sud America, toccando oltre 20 destinazioni tra l’Alaska e il Brasile. Quando è stato esposto per la