Fortune Italia

L’ULTIMO CLUB PER SOLI UOMINI

AL DEMOCRATICO AL GREEN, membro della Camera dei rappresentanti per il Texas, i conti non tornavano. Aprile di quest’anno, tre ore di interrogatorio serrato per i Ceo di sette delle principali banche degli Stati Uniti, davanti alla House Financial Services Committe. L’audizione doveva concentrarsi sulla responsabilità delle banche, dieci anni dopo la crisi finanziaria.

Ma Green, membro del Congresso con 8 mandati alle spalle, aveva deciso di lasciar stare le domande che si era preparato e di seguire una linea completamente diversa. Mentre guardava la schiera dei Ceo di fronte a lui - Michael Corbat di Citigroup, Jamie Dimon di JPMorgan Chase, James Gorman di Morgan Stanley, Brian Moynihan della Bank of America, Ronald O’Hanley della State Street Corporation, Charles Scharf della Bank of New York Mellon, e David Solomon di Goldman Sachs - la mise giù senza mezzi termini. “Ad un primo sguardo sembrerebbe che sette di voi abbiano qualcosa in comune”, disse Green parlando al microfono. “Sembra che siate tutti uomini bianchi. Tutti voi avete parlato a un certo punto della diversità”, ha continuato. “Chi pensa che il suo successore probabilmente sarà una donna o un uomo di colore potrebbe gentilmente alzare una mano?”. A Green piace fare i sondaggi così, lo fa spesso. Nessun Ceo alzò la mano; i relatori rimasero un po’ esitanti, come scolaretti che si sono comportati male. “So che è difficile mettere tutto a verbale a volte”, disse Green. “Ma un verbale va fatto. Tutti uomini bianchi e a nessuno di voi sembra possibile credere che il suo successore sarà una donna o un uomo di colore”.

Anche se le iniziative sulla diversità e il movimento #MeToo stanno lavorando sodo per riequilibrare le dinamiche del potere aziendale in una vasta gamma di settori e posti di lavoro, Wall Street è rimasta una terra sconosciuta per le donne che cercano di raggiungere il gradino più alto. “In teoria, questa è un’attività analitica, e ciò che dovrebbe importare qui è la performance. Eppure, in quello che è il più analico dei settori, proprio la performance non ha avuto importanza”, dice Sallie Krawcheck, cofondatore e Ceo di Ellevest, che è stata anche una delle donne più di successo di Wall Street. La domanda sul perché una donna non abbia mai guidato una banca di Wall Street “non è nuova”, aggiunge Wendy Cai-Lee, ora Ceo della Piermont Bank, dopo aver lavorato per JPMorgan Chase e Citi.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia1 min letti
Tra Sostenibilità E Sociale, Un Business In Trasformazione
L’AMBIZIOSA VISIONE di un futuro senza fumo caratterizza la comunicazione di Philip Morris. Nel percorso di profonda trasformazione industriale, il Gruppo emerge come guida per il settore e leader mondiale nei prodotti per fumatori senza combustione,
Fortune Italia4 min letti
Innovare dal 1872
SONO PASSATI centocinquant’anni da quel 17 gennaio 1872, giorno nel quale è iniziata questa lunga storia di industria, costume, tecnologia e passione a cavallo di tre secoli, vissuti da Pirelli attraverso ciò che la distingue maggiormente: la dimensi
Fortune Italia2 min letti
Professioniste Dell’aerospazio
Presidente di E-Geos dal giugno 2021, Buongiorno è nata a Roma nel 1962 e si è laureata in Scienze geologiche alla Sapienza di Roma. La sua carriera comincia nel 1988 in Telespazio, dove si è occupata di telerilevamento, anche spaziale, che resterà i