Fortune Italia

Tornare a contare in Europa

IL NOME DI ENZO AMENDOLA, ministro degli Affari Europei, è ben noto a Bruxelles. Da quando si è insediato non è mai mancato ad un appuntamento e il suo lavoro, tenace e a tratti febbrile, è il risultato di anni passati a occuparsi di questioni europee. A lui tocca il compito non facile di ricucire un rapporto – tra l’Italia e la Ue – messo a dura prova dal Governo precedente.

È cominciato il nuovo corso per l’Ue. Qual è l’agenda europea dei prossimi mesi?

Un cambiamento epocale che richiederà una grande mobilitazione di investimenti pubblici e privati e in cui il nostro sistema industriale avrà un ruolo cruciale.

Credo serva un approccio ambizioso, perché l’obiettivo è quello di porre le basi per un recupero di competitività globale per le nostre imprese nel medio periodo, facendo dell’Europa il continente leader nella transizione verso un’economia verde. Ma dobbiamo essere anche molto realisti e pragmatici: saranno necessari investimenti enormi, sia pubblici sia privati, ed è una sfida che l’Europa può raccogliere solo se coesa. Un altro grande tema è quello relativo ai “Campioni Industriali Europei”, su cui la discussione inizia a prendere piede. Francia

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia2 min letti
Il Valore Economico E Sociale Dell’innovazione
L’ITALIA, nonostante gli scarsi investimenti pubblici in ricerca, è universalmente riconosciuta come un Paese di geni che hanno offerto un contributo determinante al progresso dell’umanità. ALCUNE INVENZIONI come la macchina da caffè espresso, l’elet
Fortune Italia2 min lettiLeadership
Fortune Italia
EDIZIONE ITALIANA Paolo Chiariello DIRETTORE RESPONSABILE CAPO REDATTORE Silvia Romana Mazzucco CAPO SERVIZIO Margherita LopesREDATTORI Mariapia Ebreo - Lorenza Ferraiuolo - Alessandro Pulcini Antonio Santamato - Lorenzo SorrentinoIMPAGINAZIONE E GRA
Fortune Italia2 min letti
Futuro Su Misura
QUANDO VERRÀ il momento, ci penseremo. La filosofia con cui le nostre aziende guardano al problema della successione si può riassumere così. Solo il 15% degli imprenditori italiani dichiara di aver pianificato in anticipo il passaggio generazionale n